Lastra a Signa

Interrogai me Stesso Fr. 124

Interrogai me stesso Fr. 124
Una pratica d’osservazione nelle acque sempre diverse di uno stesso fiume. Necessità di questionarsi sull’imponderabile, sull’impermanenza attraversando alcuni frammenti di Eraclito. Frammenti che come stanze di un’unica infinita casa ci immergono nel dubbio invece che nella certezza. Dubbio che diventa possibile veicolo all’impossibile percorso della conoscenza. Unità dei contrari fondata sulla legge del divenire della realtà; Nulla è. Tutto è uno, uno è tutto. Come prepararsi all’imprevisto, all’inaspettato? Come prepararsi all’ordinario, al quotidiano? Quanto la ripetizione delle pratiche del vivere possono diventare importante esercizio per porsi domande, per divenire. Vivere la ripetizione come un accadimento nuovo, modificato e modificabile nella sua percezione. Praticare gesti semplici, conosciuti, ma ri-osservati e ri-ascoltati.

La data
7 dicembre Lastra A Signa (Fi), Teatro delle Arti

Per maggiori informazioni

Attenzione, l'evento che stai visualizzando è scaduto

Ti potrebbero interessare